Alberghi e ristorazione ai tempi del Coronavirus. Alcuni suggerimenti per la "fase 2"

Alberghi e ristorazione ai tempi del Coronavirus. Alcuni suggerimenti per la "fase 2"

Ripartire ai tempi del Coronavirus è un’incognita che nel settore alberghiero e ristorativo genera molti dubbi e domande, ma anche la consapevolezza che, nella cosiddetta “fase 2”, l’attenzione alla sanificazione costituirà il fattore determinante nell’influenzare la scelta del consumatore.

Dr. Schär Foodservice vuol essere accanto all’hotellerie e alla gastronomia professionale anche in questa fase e dare alcuni utili accorgimenti derivanti da normative italiane, internazionali e da recenti linee guida dell’OMS, utilizzabili dagli operatori per essere pronti a ripartire in sicurezza.

Alla riapertura della struttura, innanzitutto, bisognerà prevedere la nebulizzazione nei locali interni e l’irrorazione in quelli esterni di idonei prodotti per la sanificazione*.

 

CAMERE D’ALBERGO

Bisognerà porre ancor più attenzione all’igienizzazione di tutte le superfici delle camere e dei bagni (compresi ad es. telecomandi e manopole di areazione) attraverso l’utilizzo di prodotti specifici - dopo la pulizia con detergenti comuni - come *l’ipoclorito di sodio 0,1% e, per le superfici più delicate, l’etanolo al 70% o il perossido di idrogeno. Inoltre è consigliabile eliminare gli elementi decorativi superflui o provvedere al lavaggio degli stessi a 90°C a ogni partenza degli ospiti.

 

AREE COMUNI DELL’ALBERGO

Tutte le aree comuni, come hall, reception, sala ristorante, ecc., dovranno seguire precise regole di sanificazione. In particolare:

  • i sistemi di condizionamento dovranno essere costantemente sanificati;
  • bisognerà mettere a disposizione un kit costituito da mascherina, guanti e soluzione disinfettante per le mani;
  • dovrà essere posizionato un dispenser di gel igienizzante mani e salviette di carta con cui evitare il contatto diretto con pulsantiere, maniglie, microfoni e cancelleria;
  • gli accessi dovranno essere contingentati e dovrà essere monitorata la temperatura corporea;
  • dovrà essere presente personale in ausilio, formato sulle buone pratiche di contenimento del rischio da diffusione del Coronavirus.

 

RISTORANTI, SALE PER LA COLAZIONE E SALA DA PRANZO, BAR

Quando entrano ed escono dal ristorante, dalla sala colazione, dalla sala da pranzo o dal bar gli ospiti devono essere invitati a disinfettarsi le mani con gel disinfettante, preferibilmente situato all'ingresso di tali strutture.

  1. Buffet e distributori automatici di bevande

Ai buffet, gli ospiti dovrebbero evitare di maneggiare il cibo. Se necessario, cambiare le pinze e i cucchiai più frequentemente, lasciando sempre questi articoli in contenitori separati. Pulire e disinfettare le superfici del buffet dopo ogni servizio.

Le macchine da caffè, quelle distributrici di bevande, e altre simili, in particolare le parti più a contatto con le mani degli utenti, devono essere pulite e disinfettate almeno dopo ogni servizio e più spesso se necessario.

  1. Lavaggio di stoviglie, posate e biancheria da tavola

Devono essere utilizzate le normali procedure. Tutti i piatti, posate e bicchieri devono essere lavati e disinfettati in lavastoviglie, compresi gli articoli che non sono stati utilizzati, poiché potrebbero essere stati in contatto con le mani degli ospiti o del personale. Se per qualsiasi motivo fosse necessario un lavaggio manuale, è necessario seguire le normali procedure (lavaggio, disinfezione, risciacquo), prendendo il massimo livello di precauzioni.

L'asciugatura deve essere effettuata utilizzando asciugamani di carta usa e getta.

Allo stesso modo, tovaglie e tovaglioli devono essere lavati nel solito modo.

  1. Organizzazione dei tavoli

Ove possibile, si consiglia di avere un massimo di 4 persone per 10 metri quadrati. I tavoli devono essere disposti in modo tale che la distanza tra lo schienale di una sedia e lo schienale di un'altra sedia sia a più di 1 m di distanza e che gli ospiti si interfaccino a una distanza di almeno 1 metro.

 

LOCALI ACCESSORI

I locali accessori come corridoi, cucina, uffici, guardaroba, lavanderia, ecc. frequentati dallo staff, sempre opportunamente protetto e disinfettato, dovranno essere arieggiati e sanificati più volte al giorno.

 

INTERAZIONE CON GLI OSPITI

L’interazione con gli ospiti della struttura, che devono indossare i prescritti dispositivi di protezione, dovrà avvenire rispettando le distanze di sicurezza e sempre indossando mascherina e guanti. Sarà inoltre necessario garantire un ingresso cadenzato degli ospiti nei locali comuni.

 

DETRAIBILITA’ DELLE SPESE DI SANIFICAZIONE

Grazie al credito di imposta previsto dall’art. 64 del Dl “Cura Italia” per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, gli alberghi potranno portare in detrazione il 50% dell’importo speso per le attività di sanificazione. Tale credito è stato esteso all’acquisto dei DPI dal recente Dl “Liquidità”.

 

Postal, 23 aprile 2020

 

Per approfondimenti: